19 enero, 2022

IsProto

Soluzioni per reti e Internet

192.168.10.1 – Accesso come amministratore di rete

192.168.10.1
Advertisement

Per accedere al pannello amministratore al 192.168.10.1 puoi farlo tramite il link sottostante (192.168.l0.1)

Informazione Generale

L’obiettivo di questa sezione è mostrare le informazioni generali relative al gateway alla rete, nonché i dati di accesso per personalizzare la rete.

Informazioni sulle credenziali

Le credenziali di accesso sono costituite dal nome utente e dalla password necessari per accedere al pannello amministratore del modem o per personalizzare la configurazione di rete.

Le credenziali predefinite per accedere sono le seguenti:
Nomi utente: user, admin e root.
Password: user, admin e root.

Informazioni di configurazione di base

Attraverso questo indirizzo IP, puoi accedere alle impostazioni di rete, con le quali puoi accedere a vari servizi, incluse le impostazioni del firewall, il controllo genitori, il monitoraggio della rete, tra le altre funzionalità di rete.

Alcune delle sue proprietà principali sono le seguenti:

  • Tipo di indirizzo IP – Indirizzo per uso locale
  • Indirizzi gateway privati ​​- 192.168.10.0 e 192.168.10.254
  • Utilizzo indirizzo: indirizzo predefinito per il pannello dell’amministratore di rete e il punto di accesso. Non esclusivamente, quindi può essere assegnato come indirizzo host.
  • Indirizzo IP di trasmissione: 192.168.10.255
  • Marche di dispositivi note: alcune delle marche di modem più conosciute sono: Comfast, DLink, Intracom, Toshiba, Motorola, Winstar, Medialink.
  • Errore di scrittura più comune: 192.168.l0.1

Informazioni sulla configurazione avanzata

I punti di accesso hanno la caratteristica di gestire la trasmissione delle informazioni tra i vari dispositivi della Rete, tra cui possono essere assegnate anche diverse policy, ad esempio filtraggio degli indirizzi IP, firewall, routing, monitoraggio, ecc.

Inoltre, è possibile personalizzare vari processi all’interno del punto di accesso, nonché le modalità di gestione del trasferimento delle informazioni. Ecco alcune funzionalità chiave che possono essere gestite sul tuo punto di accesso.

Configurazione di un firewall su 192.168.10.1

192.168.l0.1

Filtrare il traffico all’interno di una rete è della massima importanza, poiché ci sono sempre attacchi dall’esterno ed errori che potrebbero potenzialmente mettere a rischio la sicurezza della tua rete.

Fortunatamente esistono varie soluzioni per aumentare la sicurezza della rete interna, compreso l’utilizzo di un firewall per filtrare il traffico in entrata e in uscita, come prima linea di difesa dagli attacchi dall’esterno.
Alcune delle opzioni per stabilire un firewall all’interno del punto di accesso sono le seguenti:

Advertisement
  • Firewall modem: come punti di accesso, i modem contengono software di fabbrica per filtrare il traffico di rete.
    • Il firewall interno del modem varia in termini di opzioni di filtraggio in base al modello, tuttavia le caratteristiche sono simili in termini di autorizzazione e negazione del traffico a determinati indirizzi di rete.
    • È bene negare il traffico di indirizzi IP sconosciuti all’interno della rete e anche inserire nella whitelist quegli indirizzi IP attendibili.
  • Software gratuito: per l’access point è possibile configurare diverse soluzioni firewall, sia perimetrali che all’interno della rete.
    • Iptables: soluzione semplice e robusta per ambienti Linux e Unix che consente il filtraggio degli indirizzi IP o dell’intervallo attraverso le sue politiche di autorizzazione (ALLOW), negazione (DENY) e rifiuto (REJECT).
      • Ad esempio, per consentire tutto il traffico sull’access point, eseguiamo le policy in comando o script:
        • iptables -A INPUT -s 192.168.10.1 -j ACCEPT
        • iptables -A OUTPUT -s 192.168.10.1 -j ACCEPT
      • Dove INPUT si riferisce a tutto il traffico in entrata e OUTPUT a tutto il traffico in uscita.
      • Per ulteriori informazioni su come utilizzare iptables, oltre ad alcuni esempi, vedere il seguente articolo.
    • Fail2ban: strumento di supporto ampiamente utilizzato per aggiungere regole su richiesta per il firewall. Non è un firewall in quanto tale, tuttavia aiuta ad aggiungere regole di filtraggio, specialmente in una rete sempre esposta ad attacchi.

Stabilire regole di filtraggio della rete è estremamente importante per prevenire attacchi dall’esterno, o per stabilire varie policy di monitoraggio, auditing o qualsiasi altro tipo di controllo sui vari dispositivi che si collegano alla rete.

Risoluzione dei problemi – 192.168.10.1

In questa sezione ti mostriamo alcuni dei problemi di connessione più comuni, così come altri problemi che si verificano quando si accede al pannello dell’amministratore di rete.

Errori di connessione

Gli errori di connessione sono i problemi più comuni quando si tenta di accedere al punto di accesso o alla configurazione di rete, di solito hanno molteplici cause e talvolta possono essere difficili da diagnosticare.

Alcuni dei problemi di connessione più comuni sono:

  • Errori di connessione fisica
    • Gli errori di connessione fisica della rete consistono in un guasto diretto di connettività tra il punto di accesso e il dispositivo o host, ovvero non è consentita una connessione soddisfacente che consenta la comunicazione tra entrambi i dispositivi.
      Alcune delle soluzioni a questo problema sono le seguenti:
    • Advertisement
    • Verificare che l’access point (o modem) sia correttamente connesso alla linea Internet e alla corrente elettrica.
    • Verificare che i LED ADSL e Internet siano accesi.
    • Se il punto di accesso è configurato in modalità wireless, verificare che il led Wi-Fi (WLAN) sia acceso.
    • Se l’access point è cablato (o tramite Ethernet), verificare che sia presente un cavo continuo tra una delle porte dell’access point e il dispositivo di destinazione.
    • Se il dispositivo si connette in modalità wireless, verificare che sia connesso alla stessa rete (o SSID) del modem.

Nessun accesso a 192.168.10.1

Se il dispositivo è collegato correttamente al modem o all’access point, è possibile che il guasto sia direttamente correlato.
Per verificare che l’errore sia correlato a quell’indirizzo IP, possiamo eseguire una serie di test per identificare se questo è il vero problema.

Verificare che l’indirizzo IP del punto di accesso sia corretto, il modo più semplice per identificarlo è aprire un browser Internet e digitare quell’indirizzo. Se c’è una risposta soddisfacente, allora il punto di accesso si trova a quell’indirizzo, altrimenti sarà necessario indagare se l’indirizzo del punto di accesso non si trova a un altro indirizzo IP, ad esempio 192.168.1.254

Verificare che l’indirizzo IP sia corretto e non rientri in nessuno degli errori comuni:

Errori comuni: 192.168.l0.1, 192.168.10.l, 192.168.lo.l, 192.168.l0.l, 192.168.lo.1, 192.168.1.1, 192.168.101, 192 168.10.1, 192 168. l0.1, 192 168 10 1, 192168101, 192168l01, 192 168 l0 1, tra molte altre forme comuni di errori di ortografia comuni per questo indirizzo IP.

Password errata

La configurazione predefinita per accedere al punto di accesso è solitamente impostata dal produttore per tutti i modem, il proprio marchio, ad esempio, un nome utente e una password comuni o che consente agli utenti di accedere alla rete.

Alcuni dei nomi utente e delle password più comuni si trovano nella sezione delle informazioni sulle credenziali per 192.168.10.1 e potrebbero cambiare in base alla marca del dispositivo, tuttavia le password predefinite sono quelle.

All’interno del pannello Amministratore di rete è possibile modificare la password per il modem e per Internet, ad esempio è possibile aggiungere una password non solo per accedere alla rete, ma anche per accedere al pannello amministratore.

All’interno del punto di accesso la nuova password viene utilizzata come WPA2, WPA-PSK o WEP KEY per accedere alla rete. In alcuni casi è anche possibile modificare l’SSID della rete.

192.168.10.1

Errori di comunicazione

Sebbene vi sia comunicazione tra il punto di accesso ei vari dispositivi in ​​rete, è possibile che si verifichino guasti, che impediscono la corretta trasmissione dei pacchetti di rete tra di essi.

Problemi con l’indirizzo IP pubblico

Il problema potrebbe risiedere nell’indirizzo IP pubblico che si trova all’interno del punto di accesso ed è visibile da qualsiasi punto di Internet.
Se il problema è all’interno dell’indirizzo IP pubblico, è importante ricordare all’utente che molti ISP configurano i propri indirizzi IP in modo dinamico, cioè potrebbero cambiare in base a determinati parametri o circostanze definite dal provider, ad esempio determinati orari. o WAN condizioni di configurazione.

Se si desidera configurare un servizio o un server web che utilizzi l’indirizzo IP pubblico, è importante tenere conto di queste modifiche ed è meglio farlo sempre dall’indirizzo IP privato designato per evitare qualsiasi problema di modifica dell’IP indirizzo derivato dal provider. Stabilire servizi di ambito locale configurati con un routing privato o instradati con un meccanismo di traduzione come NAT.

Affrontare i problemi

Anche se una configurazione locale non fallisce a livello di access point, poiché il produttore ha installato vari servizi in modo che il modem consenta l’accesso agli utenti entro determinati parametri di configurazione, è possibile che si presentino dei problemi con nuovi servizi, o addirittura limitati da criteri di rete o firewall.

Gli indirizzi IP privati ​​possono essere assegnati staticamente o dinamicamente. Le impostazioni dell’indirizzo sono in genere nell’intervallo 192.168.10.0 e 192.168.10.254. Qualsiasi indirizzo IP al di fuori di questo intervallo di solito ha problemi di connessione, a meno che il routing non sia configurato correttamente.

Test di connettività su 192.168.10.1

192.168.l0.1

Come diagnosticare i problemi di connessione?

Per diagnosticare i problemi di connessione alla rete, è possibile eseguire una serie di vari test per verificare se i dispositivi hanno una connessione riuscita al punto di accesso e anche a Internet.

Alcuni degli strumenti utilizzati per identificare possibili problemi di connessione sono i seguenti:

Ping: Strumento che si distingue per la sua semplicità per testare la connessione o la portata a vari dispositivi o punti di accesso. La sua sintassi è molto pulita e consiste solo nella scrittura del ping e dell’indirizzo IP o del dominio a cui vogliamo testare la connessione.

Esempi:
ping 192.168.10.1
ping 192.168.10.254

Il modo per testare la connessione viene visualizzato direttamente sullo schermo attraverso la ricezione di pacchetti luce di rete.

Un altro vantaggio dell’utilizzo di ping è che viene eseguito direttamente dalla console ed è compatibile praticamente con qualsiasi sistema operativo, inclusi Mac, Windows e Linux.

Nota: Se l’indirizzo è scritto in modo errato, genera un errore, ad esempio nel caso di:

ping 192.168.l0.1

Traceroute: se abbiamo bisogno di verificare il percorso attraverso il quale vengono trasmessi i pacchetti di rete, traceroute è l’opzione migliore, poiché ci mostra come il pacchetto si sposta attraverso vari canali di comunicazione dall’origine al dispositivo o sito Web di destinazione.

Se vogliamo convalidare che esiste una connessione con l’access point con traceroute, eseguiamo semplicemente il comando per vedere il percorso che segue attraverso la rete, indipendentemente dai dispositivi fisici di cui è composta la rete, inclusi router o switch.

Esempi:
traceroute 192.168.10.1
traceroute 192.168.10.254

Nota: Se l’indirizzo è scritto in modo errato, genera un errore, ad esempio nel caso di:

traceroute 192.168.l0.1

Conclusioni

Come puoi vedere attraverso questo documento, ci sono molti modi per configurare e diagnosticare i problemi di rete. Tuttavia, è possibile configurare vari servizi, inclusi server Web, politiche di rotta, traduzione di indirizzi, tra le altre funzionalità che esulano dall’ambito del documento corrente.

Tuttavia, è bene che tu possa tenerne conto per qualsiasi tuo progetto utilizzando il contenuto delle reti esistenti nei post di Isproto.

Altre lingue: